Il suo utilizzo è raccomandato a causa della presenza di acido oleico, polifenoli e la vitamina E.

Ci sono voluti più di cinque anni per l'Unione europea alla fine di concordare la lista ufficiale delle proprietà benefiche attribuite al cibo. Ed è il programma europeo per la promozione degli oli di oliva - particolarmente preoccupato - che annuncia la nuova normativa (diversa da quella sulla riduzione del rischio di malattia e lo sviluppo della salute dei bambini). Ma non è stato fino al 14 dicembre 2012 per le comunicazioni commerciali (promozioni, la pubblicità o le stesse etichette del prodotto) possono citare le proprietà di questi alimenti.
Una dose giornaliera di 20 grammi

La prima delle indicazioni sulla salute che possono utilizzare i produttori di olio d'oliva per la presenza di polifenoli, che "contribuiscono alla protezione dei lipidi nel sangue accordo con danno ossidativo". In altre parole, queste sostanze hanno molto importanti proprietà antiossidanti per combattere la formazione di radicali liberi in eccesso. Oppure promuovere l'invecchiamento delle cellule. Inoltre, polifenoli proteggono contro molte malattie. Gli effetti benefici sono ottenuti da una dose giornaliera di 20 grammi. Tuttavia, il regolamento stabilisce che solo gli oli di oliva che contengono un minimo di 5 milligrammi a 20 grammi possono fare uso di questa affermazione. Il programma di promozione europea cita come un olio esempio oli estratti dalla più ampia varietà nel mondo, picual, che contiene più di 9 milligrammi per 20 grammi.

La seconda indicazione sulla salute è di circa vitamina E, che "aiuta a proteggere le cellule si occupano di danno ossidativo." L'olio extravergine dalla varietà picual, ripreso ad esempio, in contiene circa 30 mg per 100 ml. Oltre a questo, le principali fonti di vitamina E sono girasole, mais e semi d'uva, nocciole e mandorle, germe di grano e pesci grassi. Un cucchiaio di questi oli (circa 15 ml), o una piccola manciata di noci o mandorle, copre la metà del fabbisogno giornaliero di un adulto.
Più colesterolo "buono"

Infine, è ormai accettato che "la sostituzione dei grassi saturi con grassi insaturi nella dieta aiuta a mantenere i livelli di colesterolo nel sangue normali." L'acido oleico è il più comune di acidi grassi monoinsaturi. Si abbassa i livelli di colesterolo totale nel sangue e aumenta il colesterolo "buono". Questo è uno dei componenti fondamentali degli oli d'oliva. Ma attenzione, non dimenticare che l'olio - tra di oliva - è un grasso e quindi ricchi di calorie. Anche se il suo consumo è migliore di altri grassi, che porta ancora quasi 90 chilocalorie per soli 10 grammi, che non è trascurabile nel contesto di un regime per perdere peso!

L'olio d'oliva e le malattie cardiovascolari

Malattie aterosclerotiche cardiovascolari sono la principale causa di morte nei paesi industrializzati. Molti studi hanno evidenziato lo stretto legame tra l'aterosclerosi e le abitudini alimentari, lo stile di vita e alcuni aspetti dello sviluppo economico. La progressione dell'aterosclerosi dipende da molti fattori, ma i più importanti sono l'aumento del livello di colesterolo nel sangue, ipertensione, diabete e fumo.

"... E 'nei paesi in cui la popolazione consuma quasi come solo l'olio d'oliva di grassi alimentari che la mortalità coronarica è la più bassa del mondo"

Il professor Francisco Grande Covián


COSA aterosclerosi?

L'aterosclerosi è la formazione di colesterolo ricca placca (placche ateromatose) sulla parete interna delle arterie, impedendo il flusso di sangue nel tessuto e interferire con il corretto funzionamento di organi vitali, in particolare il cuore e il cervello .


QUALI CONSEGUENZE?

Quando le arterie del cuore (coronarie) sono assegnati, il soggetto può soffrire di angina o infarto del miocardio. La morte improvvisa i rischi aumentano. Quando il processo colpisce le arterie del cervello (carotide in particolare), il soggetto può essere affetti da trombosi cerebrale, le conseguenze sono l'insorgenza di ictus (emiplegia, perdita di capacità cognitive e rischio di demenza). L'aorta può essere ottenuta, così come le arterie delle gambe, causando dolore arterite, con un rischio di cancrena.

Il crack della placca aterosclerotica, per esempio a causa di aumento della pressione sanguigna, può provocare la rottura del piatto, con il rischio di aggregazione delle piastrine del sangue e la formazione di una trombosi (coagulo di sangue ) nell'arteria. A volte questo grumo rotture, causando embolie (particolarmente embolia cerebrale).


OLIO D'OLIVA E ATEROSCLEROSI

Diversi studi hanno dimostrato effetto antitrombotico e antiaggregante di olio d'oliva. E 'stato verificato che le diete ricche di olio d'oliva, infatti, ha permesso di mitigare l'effetto protrombotico di cibi grassi evitando eccessiva coagulazione del sangue, il che spiega la bassa incidenza di infarto miocardico nei paesi in cui il L'olio d'oliva è la principale fonte di grassi.


CHE COS'E 'IL COLESTEROLO?

Il colesterolo è una sostanza correlata ai grassi e presente in alimenti di origine animale.

Una dieta ricca di grassi animali ha prodotto un aumento dei livelli plasmatici di colesterolo, un importante fattore di rischio per le malattie cardiovascolari.

Grasso (trigliceridi) e colesterolo sono trasportati nel sangue dalle lipoproteine. Una forte correlazione positiva è stata osservata tra il colesterolo lipoproteine ​​a bassa densità (LDL) e bassissima densità (VLDL) e il rischio aterogeno. LDL e VLDL eccesso provoca la lesione aterosclerotica in sé a causare incidenti come infarto del miocardio. Ecco perché questa frazione colesterolo è anche chiamato "colesterolo cattivo". Al contrario, il colesterolo delle lipoproteine ​​ad alta densità (HDL) protegge contro lo sviluppo di malattie cardiovascolari. Questo è il motivo per cui è anche chiamato "colesterolo buono". HDL rimuove il colesterolo dalle cellule, esterificare e portarlo al fegato dove viene eliminato con la bile.


OLIO D'OLIVA E COLESTEROLO

L'olio d'oliva riduce il colesterolo totale, colesterolo LDL e trigliceridi nel sangue -, ma non cambia finora - che in alcuni casi può aumentare - il livello di colesterolo HDL che esercita un ruolo protettivo e anti-aterogenica.

L'effetto positivo del consumo di olio d'oliva nello sviluppo di malattie cardiovascolari, sia in prevenzione primaria (riduzione del rischio di insorgenza di un primo episodio della malattia) nella prevenzione secondaria ( dopo il primo episodio ha avuto luogo al fine di evitare il ripetersi) è stata verificata.

L'oggetto di alcune ricerche corrente è dimostrare non solo l'efficacia della dieta mediterranea nella prevenzione di eventi coronarici, ma anche, per la prima volta, l'influenza positiva di olio sulla depressione associati a questi episodi e stati depressivi in ​​generale. Questi risultati sono di grande importanza data l'alta incidenza di questa malattia e l'alto rischio assume nel caso di recidiva.